Contattaci

Speciali

I segreti di Final Fantasy VII

Square Enix Ltd. ha pubblicato un video che svela informazioni e aneddoti dietro allo sviluppo di Final Fantasy VII. Il video include delle interviste con: Yoshinori Kitase (scrittore/direttore), Shinji Hashimoto (produttore pubblicitario) eYusuke Naora (direttore artistico).

Industria italiana

Casa connessa, Samsung parla di futuro al Politecnico di Milano

Samsung Electronics Italia e l’Osservatorio IoT del Politecnico di Milano, nel corso di una conferenza dal titolo “La casa connessa secondo Samsung” presso la Samsung Smart Home a Milano, hanno delineato una “ricetta della casa connessa” con tutti gli ingredienti utili per iniziare a progettarla.

Il percorso prende le mosse da un’analisi dei principali trend di questo settore che, sulla base di recenti dati sui dispositivi ed elettrodomestici smart disponibili ad oggi sul mercato, dimostrano che la casa connessa è già una realtà, tanto da registrare nel 2018 una crescita del 52% rispetto all’anno precedente, con un valore di 380 milioni di euro. Le ricerche promosse dall’Osservatorio IoT hanno mostrato un notevole miglioramento nella percezione del valore aggiunto dei prodotti connessi e hanno individuato due settori che stanno trainando il mercato. Gli Home Speaker rappresentano un nuovo elemento che sta vivendo un grande successo andando a pesare il 16% del valore totale del mercato. L’altro settore trainante è quello degli elettrodomestici, che influiscono per il 14% della totalità, generando un valore di 55 milioni di euro – in particolar modo grazie alle lavatrici.

La casa connessa è già una realtà, tanto da registrare nel 2018 una crescita del 52% rispetto all’anno precedente, con un valore di 380 milioni di euro

“Nonostante i grandi passi in avanti, rimangono ancora numerose barriere da superare – commenta Giulio Salvadori, Direttore dell’Osservatorio Internet of Things – In primo luogo, la comunicazione ai consumatori delle reali potenzialità di utilizzo degli oggetti smart, cresciuta molto con l’ingresso nel mercato degli OTT, ma ancora non adeguata se guardiamo agli altri produttori e ai piccoli brand. Bisogna poi lavorare sulla formazione degli addetti all’installazione e alla vendita, spesso non in grado di fornire un adeguato supporto all’utente, e sull’offerta di servizi di valore abilitati dagli oggetti connessi.”

Due anni fa Samsung ha posato una vera e propria pietra miliare nell’ambito del connected living con l’arrivo in Italia del primo frigorifero intelligente, il Family Hub. L’impegno dell’azienda coreana nel concretizzare il concetto di Smart Home è via via cresciuto nel rispetto di due concetti chiave: semplificazione e apertura. L’obiettivo di Samsung, infatti, è quello di fornire una ricetta di Casa Connessa di facile realizzazione e gestione che consenta di attivare le funzioni smart della nostra casa in maniera semplice e immediata, come installare un’app sullo smartphone. Inoltre, ogni oggetto intelligente deve poter dialogare con gli altri dispositivi, senza limitazioni imposte da una piattaforma chiusa ma permettendo l’integrazione di soluzioni di altri produttori.

“Stiamo lavorando per rendere tutti i nostri device connessi e realmente intelligenti entro il 2020 e ad oggi il solo comparto delle lavatrici registra una percentuale del 30% di vendite di modelli dotati di connettività” ha dichiarato Daniele Grassi, Vice Presidente di Samsung Electronics Italia, che continua: “La volontà di Samsung è quella di sviluppare tecnologie che portino un beneficio concreto e che già da oggi possano cambiare in meglio il modo in cui viviamo diverse attività quotidiane grazie a un ecosistema connesso, capace di combinare ed esaltare i benefici dei singoli prodotti”.

Gli sviluppi del prossimo futuro vedono un’importanza crescente dell’Intelligenza Artificiale a servizio della casa, che insieme al 5G consentirà la realizzazione di nuovi ed entusiasmati scenari.

L’azienda coreana ha recentemente dichiarato che, entro il 2020, la quasi totalità dei propri dispositivi sarà IoT ready e, proprio per questo motivo, è impegnata nel sensibilizzare i consumatori sul concetto della Casa Connessa. Sulla scorta di recenti dati di mercato, che ci fanno sapere che il livello di conoscenza di questo settore è in crescita, Samsung si è chiesta cosa in realtà gli utenti finali sappiano e soprattutto cosa cerchino in materia di Casa Connessa.

Samsung ha recentemente dichiarato che, entro il 2020, la quasi totalità dei propri dispositivi sarà IoT ready

Solo fino a qualche anno fa, il Connected Living era considerato complicato, costoso, gestibile solo da professionisti. Oggi il concetto di Smart Home è senz’altro migliorato, grazie alla vasta offerta di prodotti connessi; tuttavia spesso ogni prodotto viene controllato attraverso la propria App, impedendo qualsiasi tipo di interazione tra i vari devices della casa prodotti da Brand diversi.

Continua

Nintendo

Come risparmiare sui giochi per Nintendo Switch negli eShop

Una delle novità più gradite della console ibrida Nintendo è la sua natura region free, ossia la possibilità di far girare i giochi di tutto il mondo su qualsiasi console. A differenza di PS4, dove il region free è gestito via software e quindi non tutti i giochi sono sbloccati, su Switch potrete acquistare una game card o un gioco sull’eShop da qualsiasi parte del pianeta, e funzionerà senza problemi. Sopratutto in quest’ultimo caso, cioè scaricando i giochi dal negozio online integrato nel sistema operativo della console, è possibile risparmiare a volte anche il 50 per cento del prezzo italiano.

Comprare dall’estero su Switch: come?

Per acquistare un gioco da un eShop che non sia quello italiano basta una procedura molto semplice: bisogna creare un nuovo account Nintendo su questo sito, compilando attentamente tutti i campi. Al momento della scelta del paese di residenza, inserite quello che preferite. A questo punto la procedura si completerà con l’invio di un codice via mail, che dovrete confermare sul sito. Passate a Switch e accedete alle impostazioni (simbolo dell’ingranaggio), selezionate “Utenti” e poi “Aggiungi utente”, quindi inserite id e password dell’account che avete appena creato. Apparirà in alto a sinistra. Per comodità, visto che potreste avere bisogno di più id (ognuno per i paesi degli eShop che vi interessano), nominate gli utenti di conseguenza, ad esempio “Giappone” o “Danimarca”. A questo punto, selezionate la voce eShop dal menu della console e, quando vi chiederà con quale utente aprire l’app, selezionate quella conveniente per voi. Vi ricordiamo che la procedura non ha nessuna conseguenza negativa sul sistema, ma ogni eShop sarà solamente nella lingua corrispondente. Dovrebbe tuttavia essere facile navigare anche sugli eShop ad esempio in giapponese, visto che la struttura è identica per ogni paese.

E ora, che cosa scarico?

In questo modo potrete ad esempio scaricare qualsiasi demo o gioco gratuito di qualsiasi parte del mondo, ma soprattutto fare acquisti dove conviene. Per sapere quali prezzi corrispondono a quale gioco in quale paese consultate questa tabella, costantemente aggiornata. Alcuni eShop possono creare problemi se si tenta di pagare con una carta di credito o prepagata che non sia stata emessa da un ente di quella nazione. Ma ovviare a questo problema è molto semplice: basta usare PayPal, che è una delle opzioni presenti al momento di pagare su Switch. Se non avete un account PayPal, createlo a questo indirizzo. A questo punto, procedete al pagamento inserendo nome utente e password di PayPal, nel quale avrete già memorizzato i dati della vostra carte (prepagata o di credito che sia, non funzionano i Bancomat). Il gioco che avrete acquistato, tranne alcuni casi specificati nella scheda dello stesso su Switch, sarà multilingua e si avvierà automaticamente in italiano. Una volta comprato potrete usarlo con qualsiasi account memorizzato nella console, anche quello italiano che usate abitualmente.

Continua
Advertisement

Trending